Organismo di Formazione Accreditato dalla Regione Puglia con Atto Dirigenziale n°1064 del 07-07-2022

Corsi Di Formazione

Organismo di Formazione Accreditato dalla Regione Puglia con Atto Dirigenziale n°1064 del 07-07-2022

Corsi Di Formazione

CE.F.A.S.S. Lecce

Corsi di Formazione riconosciuti dalla Regione Puglia

Iscrizioni Aperte

I Nostri Corsi di Formazione

Corsi di formazione - Mediatore Interculturale

Mediatore Interculturale

Corsi di formazione - tecnico per la cura e l'assistenza all'infanzia

Tecnico per la Cura e l'Assistenza all'Infanzia

Corsi di formazione - R.A.A.

Responsabile di Strutture Socio Assistenziali (R.A.A.)

Corso di Formazione

Mediatore Interculturale

Iscrizioni Aperte

Corsi di formazione - Mediatore Interculturale

Descrizione

Il Corso Di Mediatore

Il corso è finalizzato a far acquisire una preparazione di alto livello, in grado di fornire tecniche e abilità di comunicazione e relazione. Il Mediatore Interculturale è una figura professionale “in grado di accompagnare la relazione tra immigrati e contesto socioeconomico di riferimento favorendo la rimozione delle barriere linguistico-culturali, la conoscenza e la valorizzazione delle culture di appartenenza, nonché l’accesso a servizi pubblici e privati. Il Mediatore Interculturale accoglie l’utente immigrato aiutandolo a muoversi autonomamente nella nuova realtà. Ne interpreta quindi i bisogni dando risposte efficaci che permettano al soggetto di comprendere le opportunità offerte dai diversi servizi pubblici presenti sul territorio, la cultura, gli usi i e costumi italiani”.

Con D.G.R. n. 912/2012 la Regione Puglia ha approvato le linee guida alla ASL per la selezione e la contrattualizzazione dei mediatori interculturali nell’ambito del Progetto Regionale per la Mediazione Interculturale presso i consultori pugliesi. Le attività di mediazione vengono pertanto integrate nel “Welfare di Accesso”, potenziandone la funzionalità e la fruibilità, e garantiscono la sinergia con gli Sportelli per l’integrazione socio-sanitaria-culturale per gli immigrati.

Il Mediatore Interculturale, a seguito delle novità legislative in materia di immigrazione, ha assunto importanza ancor più rilevante nel rapporto con i minori stranieri non accompagnati (MSNA).

Svolge un ruolo fondamentale nell’accompagnamento del minore come facilitatore di comprensione, conoscente dei codici culturali, costruttore della storia personale, gestore dei conflitti culturali tra gruppi etnici e accompagnatore nel programma di studio o di lavoro.

Obiettivi del corso

Il Mediatore Interculturale presta la propria opera presso Istituzioni e organismi, sia pubblici che privati, collaborando con gli operatori dei medesimi e affiancandoli nello svolgimento delle loro attività, nelle situazioni in cui l’incontro tra culture e tradizioni differenti ne rende difficile la realizzazione/pianificazione/fruizione. Trova principalmente impiego nei servizi pubblici e privati. A titolo esemplificativo: ufficio stranieri, anagrafe, uffici di relazione con il pubblico, centri e servizi per l’impiego, uffici speciali per l’immigrazione, commissariati di polizia, tribunali, carceri, centri di accoglienza, istituzioni formative, servizi sanitari, socio-sanitari, sociali, socio-assistenziali, cooperative e associazioni che promuovono progetti di integrazione socio-culturale, scuole, sportelli per l’integrazione socio-sanitaria-culturale degli immigrati.

Il corso attraverso una formazione specifica di carattere tecnico/pratica intende fare acquisire:

Tecniche e abilità di comunicazione e gestione dei colloqui

Potenziamento della propensione all’ascolto e al sostegno

Requisiti per accedere al corso

Per accedere al corso è necessario:

Diploma di scuola secondaria di secondo grado; Diploma di Laurea
Colloquio di approfondimento

Finalizzato alla valutazione di aspetti motivazionali, attitudinali e comportamentali dei candidati oltre ad approfondire la rispondenza del progetto alle aspirazioni professionali dei partecipanti.

Qualifica

Al termine del corso, si consegue la qualifica di livello 4EQF con un titolo finale valido nei concorsi pubblici, ai sensi dell’art. 14 della Legge 845/78, a livello nazionale e comunitario.

Dettagli

Il corso, della durata di 600 ore di cui 240 di stage, è a numero limitato e si svolgerà a Lecce presso l’Istituto Marcelline. Attualmente i nostri corsi si svolgono in FAD (Formazione a Distanza).

Corsi di formazione - Mediatore Interculturale

Qualifica

Al termine del corso, si consegue la qualifica di livello 4EQF con un titolo finale valido nei concorsi pubblici, ai sensi dell’art. 14 della Legge 845/78, a livello nazionale e comunitario.

Dettagli

Il corso, della durata di 600 ore di cui 240 di stage, è a numero limitato e si svolgerà a Lecce presso l’Istituto Marcelline. Attualmente i nostri corsi si svolgono in FAD (Formazione a Distanza).

Descrizione

Il corso è finalizzato a far acquisire una preparazione di alto livello, in grado di fornire tecniche e abilità di comunicazione e relazione. Il Mediatore Interculturale è una figura professionale “in grado di accompagnare la relazione tra immigrati e contesto socioeconomico di riferimento favorendo la rimozione delle barriere linguistico-culturali, la conoscenza e la valorizzazione delle culture di appartenenza, nonché l’accesso a servizi pubblici e privati. Il Mediatore Interculturale accoglie l’utente immigrato aiutandolo a muoversi autonomamente nella nuova realtà. Ne interpreta quindi i bisogni dando risposte efficaci che permettano al soggetto di comprendere le opportunità offerte dai diversi servizi pubblici presenti sul territorio, la cultura, gli usi i e costumi italiani”.

Con D.G.R. n. 912/2012 la Regione Puglia ha approvato le linee guida alla ASL per la selezione e la contrattualizzazione dei mediatori interculturali nell’ambito del Progetto Regionale per la Mediazione Interculturale presso i consultori pugliesi. Le attività di mediazione vengono pertanto integrate nel “Welfare di Accesso”, potenziandone la funzionalità e la fruibilità, e garantiscono la sinergia con gli Sportelli per l’integrazione socio-sanitaria-culturale per gli immigrati.

Il Mediatore Interculturale, a seguito delle novità legislative in materia di immigrazione, ha assunto importanza ancor più rilevante nel rapporto con i minori stranieri non accompagnati (MSNA).

Svolge un ruolo fondamentale nell’accompagnamento del minore come facilitatore di comprensione, conoscente dei codici culturali, costruttore della storia personale, gestore dei conflitti culturali tra gruppi etnici e accompagnatore nel programma di studio o di lavoro.

Obiettivi del corso

Il Mediatore Interculturale presta la propria opera presso Istituzioni e organismi, sia pubblici che privati, collaborando con gli operatori dei medesimi e affiancandoli nello svolgimento delle loro attività, nelle situazioni in cui l’incontro tra culture e tradizioni differenti ne rende difficile la realizzazione/pianificazione/fruizione. Trova principalmente impiego nei servizi pubblici e privati. A titolo esemplificativo: ufficio stranieri, anagrafe, uffici di relazione con il pubblico, centri e servizi per l’impiego, uffici speciali per l’immigrazione, commissariati di polizia, tribunali, carceri, centri di accoglienza, istituzioni formative, servizi sanitari, socio-sanitari, sociali, socio-assistenziali, cooperative e associazioni che promuovono progetti di integrazione socio-culturale, scuole, sportelli per l’integrazione socio-sanitaria-culturale degli immigrati.

Il corso attraverso una formazione specifica di carattere tecnico/pratica intende fare acquisire:

Tecniche e abilità di comunicazione e gestione dei colloqui

Potenziamento della propensione all’ascolto e al sostegno

Obiettivi del corso

Per accedere al corso è necessario:

Diploma di scuola secondaria di secondo grado; Diploma di Laurea
Colloquio di approfondimento

Finalizzato alla valutazione di aspetti motivazionali, attitudinali e comportamentali dei candidati oltre ad approfondire la rispondenza del progetto alle aspirazioni professionali dei partecipanti.

Corso di Formazione

Tecnico per la Cura e l'Assistenza all'Infanzia

Iscrizioni Aperte

Corsi di formazione - tecnico per la cura e l'assistenza all'infanzia

Descrizione

Tecnico per la Cura e l'Assistenza all'Infanzia

Il Tecnico per la Cura e l’Assistenza all’Infanzia, si prende cura dei bisogni primari dei bambini: tale ruolo è di fondamentale importanza per accompagnarli e agevolarli nella loro crescita, in un contesto di benessere relazionale.
Il Tecnico per la Cura e l’Assistenza all’Infanzia, provvede ai bisogni primari del bambino: prepara, organizza e svolge attività ludiche volte a favorire nei bambini lo sviluppo dell’identità personale, l’autonomia e il conseguimento di competenze cognitive (linguistiche, logiche corporee, manipolative, espressive) e di relazione. Organizza i tempi delle diverse attività, dall’alimentazione al riposo, al gioco, agli spazi e ai materiali, nel rispetto delle procedure igienico-ambientali, igienico-alimentari e di sicurezza. Affianca l’Educatore nella pianificazione dei progetti educativi e  nella realizzazione dei laboratori, identificando le migliori tecniche educative per ogni bambino.
Affianca anche il nucleo familiare nelle funzioni di assistenza e assicura un idoneo ambiente protetto per la prima socializzazione.

A partire da gennaio 2013 la Regione Puglia sostiene sia la domanda che l’offerta di servizi per l’infanzia attraverso l’erogazione di risorse finanziarie finalizzate a favorire il potenziamento di una rete estesa, qualificata e differenziata su tutto il territorio regionale di servizi socio educativi al fine di promuovere e garantire il benessere e/o sviluppo dei bambini, il sostegno al ruolo educativo dei genitori e la conciliazione dei tempi di lavoro e di cura, nonché sostenere l’iniziativa privata nell’erogazione dei servizi di cura.

Obiettivi del corso

Al termine del percorso formativo, gli allievi/e saranno in grado di:

Svolgere attività di cura e assistenza dei bambini, soddisfacendone i bisogni primari e promuovendo una condizione di benessere e sicurezza

Conoscere l'assetto del sistema socio-educativo per la prima infanzia ed essere consapevoli del proprio ruolo professionale

Essere in grado di garantire al bambino condizioni di igiene, salute e sicurezza ; attuare interventi nell’area sanitaria di primo soccorso

Lavorare in contesti che prevedono l'inserimento del Tecnico per la Cura e l'Assistenza all'Infanzia tra cui Asili Nido

Tale figura, così come evidenziato nella qualifica rilasciata al termine del corso, può assistere bimbi disabili

Requisiti per accedere al corso

Per accedere al corso è necessario:

Diploma di scuola secondaria di primo grado (Requisito Minimo), Diploma di scuola secondaria di secondo grado, Laurea
Colloquio di approfondimento

finalizzato alla valutazione di aspetti motivazionali, attitudinali e comportamentali dei candidati oltre ad approfondire la rispondenza del progetto alle aspirazioni professionali dei partecipanti.

Qualifica

Al termine del corso, si consegue la qualifica di livello 3EQF con un titolo finale valido nei concorsi pubblici, ai sensi dell’art. 14 della Legge 845/78, a livello nazionale e comunitario

Dettagli

Il corso, della durata di 250 ore di cui 80 di stage, è a numero limitato e si svolgerà a Lecce presso l’Istituto Marcelline. Attualmente i nostri corsi si svolgono in FAD (Formazione a Distanza).

Descrizione

Il Tecnico per la Cura e l’Assistenza all’Infanzia, si prende cura dei bisogni primari dei bambini: tale ruolo è di fondamentale importanza per accompagnarli e agevolarli nella loro crescita, in un contesto di benessere relazionale.
Il Tecnico per la Cura e l’Assistenza all’Infanzia, provvede ai bisogni primari del bambino: prepara, organizza e svolge attività ludiche volte a favorire nei bambini lo sviluppo dell’identità personale, l’autonomia e il conseguimento di competenze cognitive (linguistiche, logiche corporee, manipolative, espressive) e di relazione. Organizza i tempi delle diverse attività, dall’alimentazione al riposo, al gioco, agli spazi e ai materiali, nel rispetto delle procedure igienico-ambientali, igienico-alimentari e di sicurezza. Affianca l’Educatore nella pianificazione dei progetti educativi e  nella realizzazione dei laboratori, identificando le migliori tecniche educative per ogni bambino.
Affianca anche il nucleo familiare nelle funzioni di assistenza e assicura un idoneo ambiente protetto per la prima socializzazione.

A partire da gennaio 2013 la Regione Puglia sostiene sia la domanda che l’offerta di servizi per l’infanzia attraverso l’erogazione di risorse finanziarie finalizzate a favorire il potenziamento di una rete estesa, qualificata e differenziata su tutto il territorio regionale di servizi socio educativi al fine di promuovere e garantire il benessere e/o sviluppo dei bambini, il sostegno al ruolo educativo dei genitori e la conciliazione dei tempi di lavoro e di cura, nonché sostenere l’iniziativa privata nell’erogazione dei servizi di cura.

Obiettivi del corso

Al termine del percorso formativo, gli allievi/e saranno in grado di:

Svolgere attività di cura e assistenza dei bambini, soddisfacendone i bisogni primari e promuovendo una condizione di benessere e sicurezza

Conoscere l'assetto del sistema socio-educativo per la prima infanzia ed essere consapevoli del proprio ruolo professionale

Essere in grado di garantire al bambino condizioni di igiene, salute e sicurezza ; attuare interventi nell’area sanitaria di primo soccorso

Lavorare in contesti che prevedono l'inserimento del Tecnico per la Cura e l'Assistenza all'Infanzia tra cui Asili Nido

Tale figura, così come evidenziato nella qualifica rilasciata al termine del corso, può assistere bimbi disabili

Requisiti per accedere al corso

Per accedere al corso è necessario:

Diploma di scuola secondaria di primo grado (Requisito Minimo), Diploma di scuola secondaria di secondo grado, Laurea
Colloquio di approfondimento

finalizzato alla valutazione di aspetti motivazionali, attitudinali e comportamentali dei candidati oltre ad approfondire la rispondenza del progetto alle aspirazioni professionali dei partecipanti.

Corsi di formazione - tecnico per la cura e l'assistenza all'infanzia

Qualifica

Al termine del corso, si consegue la qualifica di livello 3EQF con un titolo finale valido nei concorsi pubblici, ai sensi dell’art. 14 della Legge 845/78, a livello nazionale e comunitario

Dettagli

Il corso, della durata di 250 ore di cui 80 di stage, è a numero limitato e si svolgerà a Lecce presso l’Istituto Marcelline. Attualmente i nostri corsi si svolgono in FAD (Formazione a Distanza).

Corso di Formazione

Responsabile di Strutture Socio Assistenziali (R.A.A.)

Iscrizioni Aperte

Corsi di formazione - R.A.A.

Descrizione

Responsabile di Strutture Socio Assistenziali (R.A.A.)

Il Responsabile di Strutture Socio Assistenziali opera all’interno della rete dei servizi socio assistenziali e socio-sanitari (strutture per diversamente abili, anziani, tossicodipendenti, minori, residenze socio sanitarie e socio assistenziali, centri diurni, servizi di assistenza domiciliare ecc..) con mansioni di carattere organizzativo/gestionale. Promuove la collaborazione con le altre figure professionali, proponendo attività o momenti di integrazione tra le diverse professionalità che operano nel servizio.

Nel contesto delle attività formative di informatica del corso Responsabile di Strutture Socio Assistenziali (R.A.A) è stato introdotto un modulo di conoscenza applicata alle più moderne e recenti attività di Telemedicina e Telemonitoraggio tramite cui poter studiare – anche con la partecipazione a workshop e seminari – i nuovi modelli tecnologici di razionalizzazione e riorganizzazione dei servizi sanitari regionali e nazionali verso nuovi approcci e strumenti in grado di offrire innovativi servizi territoriali ed ambulatoriali (piattaforme di telemonitoraggio e telemedicina in grado di abilitare un’innovazione nei processi sanitari).

Obiettivi del corso

Il corso, attraverso una formazione specifica di carattere tecnico/pratico, fornirà ai partecipanti competenze organizzative, gestionali e trasversali necessarie a svolgere il  ruolo  di coordinamento delle prestazioni assistenziali.

Al termine del percorso formativo, gli allievi/e acquisiranno competenze operative specifiche  tra cui:

Applicare i principi di organizzazione dei servizi e gestione delle risorse umane, incentivando la partecipazione, la distribuzione delle responsabilità, il lavoro di équipe, il rispetto dell'etica professionale;

Predisporre la programmazione del lavoro degli operatori (piani, turni, etc.) in modo coerente al progetto del servizio e nel rispetto della normativa contrattuale;

Monitorare e verificare l'efficacia operativa e l'efficienza organizzativa, il rispetto dei requisiti operativi e il raggiungimento degli standard qualitativi;

Sovrintendere alla predisposizione e alla corretta applicazione di strumenti per la misurazione della customer satisfaction.

Requisiti per accedere al corso

Per accedere al corso è necessario:

Titolo di studio o Qualifica OSS

possedere un titolo di studio di scuola secondaria superiore e/o laurea attinente oppure qualifica OSS con diploma di scuola secondaria superiore ed esperienza nel settore

Colloquio di approfondimento

finalizzato alla valutazione di aspetti motivazionali, attitudinali e comportamentali dei candidati oltre ad approfondire la rispondenza del progetto alle aspirazioni professionali dei partecipanti.

Qualifica

Al termine del corso, si consegue la qualifica di livello 5EQF (il massimo livello presente nel Repertorio Regionale) con un titolo finale valido nei concorsi pubblici, ai sensi dell’art. 14 della Legge 845/78, a livello nazionale e comunitario.

Dettagli

Il corso, della durata di 300 ore di cui 90 di stage, è a numero limitato e si svolgerà a Lecce presso l’Istituto Marcelline. Attualmente i nostri corsi si svolgono in FAD (Formazione a distanza).

Corsi di formazione - R.A.A.

Qualifica

Al termine del corso, si consegue la qualifica di livello 5EQF (il massimo livello presente nel Repertorio Regionale) con un titolo finale valido nei concorsi pubblici, ai sensi dell’art. 14 della Legge 845/78, a livello nazionale e comunitario.

Dettagli

Il corso, della durata di 300 ore di cui 90 di stage, è a numero limitato e si svolgerà a Lecce presso l’Istituto Marcelline. Attualmente i nostri corsi si svolgono in FAD (Formazione a distanza).

Descrizione

Il Responsabile di Strutture Socio Assistenziali opera all’interno della rete dei servizi socio assistenziali e socio-sanitari (strutture per diversamente abili, anziani, tossicodipendenti, minori, residenze socio sanitarie e socio assistenziali, centri diurni, servizi di assistenza domiciliare ecc..) con mansioni di carattere organizzativo/gestionale. Promuove la collaborazione con le altre figure professionali, proponendo attività o momenti di integrazione tra le diverse professionalità che operano nel servizio.

Nel contesto delle attività formative di informatica del corso Responsabile di Strutture Socio Assistenziali (R.A.A) è stato introdotto un modulo di conoscenza applicata alle più moderne e recenti attività di Telemedicina e Telemonitoraggio tramite cui poter studiare – anche con la partecipazione a workshop e seminari – i nuovi modelli tecnologici di razionalizzazione e riorganizzazione dei servizi sanitari regionali e nazionali verso nuovi approcci e strumenti in grado di offrire innovativi servizi territoriali ed ambulatoriali (piattaforme di telemonitoraggio e telemedicina in grado di abilitare un’innovazione nei processi sanitari).

Obiettivi del corso

Il corso, attraverso una formazione specifica di carattere tecnico/pratico, fornirà ai partecipanti competenze organizzative, gestionali e trasversali necessarie a svolgere il  ruolo  di coordinamento delle prestazioni assistenziali.

Al termine del percorso formativo, gli allievi/e acquisiranno competenze operative specifiche  tra cui:

Applicare i principi di organizzazione dei servizi e gestione delle risorse umane, incentivando la partecipazione, la distribuzione delle responsabilità, il lavoro di équipe, il rispetto dell'etica professionale;

Predisporre la programmazione del lavoro degli operatori (piani, turni, etc.) in modo coerente al progetto del servizio e nel rispetto della normativa contrattuale;

Monitorare e verificare l'efficacia operativa e l'efficienza organizzativa, il rispetto dei requisiti operativi e il raggiungimento degli standard qualitativi;

Sovrintendere alla predisposizione e alla corretta applicazione di strumenti per la misurazione della customer satisfaction.

Obiettivi del corso

Per accedere al corso è necessario:

Titolo di studio o Qualifica OSS

possedere un titolo di studio di scuola secondaria superiore e/o laurea attinente oppure qualifica OSS con diploma di scuola secondaria superiore ed esperienza nel settore

Colloquio di approfondimento

finalizzato alla valutazione di aspetti motivazionali, attitudinali e comportamentali dei candidati oltre ad approfondire la rispondenza del progetto alle aspirazioni professionali dei partecipanti.

Sei interessato ai nostri Corsi?

Compila la richiesta di contatto qui sotto, ti risponderemo al più presto!

Viale Ugo Foscolo, 51
73100 Lecce

Telefono: 0832 498025
Cellulare: 392 2219879
Fax: 0832 1943458
cefass.lecce@libero.it
info@cefasslecce.it

Seguici su:

Contatti

Telefono Fisso
Cellulare
Fax

+39 0832 1943458